Ueli Steck

scalatore

“È la sensazione di controllo totale. Quando sei ben allenato, il tuo corpo lavora tanto — ma mentre ti muovi, non senti la fatica. Ecco, è questa la sensazione che cerco.”
Ueli Steck – scalatore

L'unico senso di marcia che Ueli Steck conosce è verso l'alto — e l'unico modo per arrivare lassù è salire velocemente.

Descrizione

Da quando ha conquistato il nuovo record di velocità in solitaria con la salita della parete Nord dell'Eiger nel 2008 (1.800 metri verticali in 2:47:33 - abbassando il suo precedente record di un'ora), Steck è entrato a far parte dei "grandi" dell'arrampicata. Da allora i puristi dell'arrampicata hanno dovuto ricredersi sulle solitarie in velocità a tal punto che una rivista di outdoor lo ha definito il “Superman svizzero”.

“Salire in solitaria in velocità su percorsi tecnici è molto pericoloso,” dice Steck. “Ed io sono troppo vecchio per imprese così rischiose!” Ora i suoi obiettivi sono più ambiziosi e riguardano l'Himalaya dove pensa di poter portare qualcosa di nuovo nel campo dell'alpinismo ad alta quota. “La velocità aprirà nuove vie sugli 8.000 metri,” dichiara. “Ed quello a cui sto puntanto.” 

È uno Steck più maturo e più scaltro, diverso dal giovane scalatore che con l'incoscienza della gioventù amava sfidare il limite. “Sento la differenza tra ora e 10 anni fa,” aggiunge. “il mio corpo ha bisogno di più tempo per recuperare e devo andarci più piano con gli allenamenti.

Ma mi sento più sicuro e questo mi fa sentire molto libero. Sento che il sacro fuoco brucia ancora!”

Quel fuoco arde e lo fa per 30 ore di allenamento a settimana con sedute di forza, resistenza, corsa e arrampicata, Con l'esperienza di una vita passata a scalare montagne, quel lavoro ha già dato i suoi frutti. Steck ha conquistato le prime pagine con le sue spedizioni sull'Himalaya e non è ancora finita. 

 

Per lui Suunto Ambit è la soluzione perfetta sia per scalare che per allenarsi. “Ho tutto quello che mi serve in un solo dispositivo sia che affronti una lunga spedizione sull'Himalaya o una difficile salita di un giorno sulle Alpi.” 

Indipendentemente dalla meta, l'ispirazione di Steck è sempre la stessa. “Quello che conta nella vita è andare sempre avanti pensando alla prossima sfida,” afferma. “Voglio sempre provare a fare qualcosa che non ho mai fatto prima.” 

DETTAGLI
Ueli Steck
NomeUeli Steck
SportsArrampicata
CittàRinggenberg, Svizzera
Sito Internethttp://www.uelisteck.ch/
Profilo su Movescount.comhttp://www.movescount.com/members/uelisteck
Indietro
Conrad Stoltz
Avanti
Jill Heinerth